Riscaldamento a pavimento

Questa tecnologia di impianto è in gran uso nelle abitazioni, si tratta di tubazioni inserite nel massetto in cui scorre l’acqua in grado di riscaldare (ora anche rinfrescare) gli ambienti per mezzo del pavimento.
Essendo il parquet è un ottimo isolante termico, il progettista deve prendere in considerazione cosa si utilizzerà come pavimento già dal progetto per far si che vengano prese le giuste contromisure.
Indispensabile, raggiunto un buon punto di stagionatura, è mettere in funzione l’impianto a pavimento (pre-accensione) per far si che eventuali movimenti e ritiri del massetto avvengano prima della posa in opera.
Per la nostra esperienza un massetto radiante impiega 10/15 giorni per cm di spessore, a raggiungere il valore di 1,8 % di umidità che consente
la posa del parquet. La prova dell’umidità del massetto è bene eseguirla con strumento al carburo.
I parquet che consigliamo ai nostri clienti su questi impianti sono sicuramente quelli stratificati usando essenze che garantiscano una buona stabilità ovvero il rovere, l’iroko, il doussie’, il teak e qualche altro. Sconsigliamo fortemente essenze come il faggio, l’acero canadese ed europeo, il cabreuva e altri legni che presentano le loro caratteristiche.

Schema pre-accensione