Mantenimento

Manutenzione

Per i parquet finiti a vernice la manutenzione ordinaria consiste nell’utilizzo di una scopa statica o di un aspirapolvere per la pulizia quotidiana mentre quando si lava è opportuno utilizzare detergenti neutri e non schiumosi diluiti nell’acqua, alle modalità del produttore, con l’impiego di un panno bene strizzato. E’ possibile quando il parquet è leggermente rovinato l’impiego di prodotti rigeneranti che consentono di prolungare il periodo prima di eseguire una manutenzione straordinaria. Quest’ultima consiste nella rilevigatura del parquet ultimato con una nuova finitura (si ci sono degli elementi danneggiati è possibile sostituirli).
Per i parquet finiti ad olio/cera la manutenzione ordinaria consiste nell’utilizzo di una scopa statica o di un aspirapolvere per la pulizia quotidiana mentre quando si lava è indispensabile utilizzare il prodotto specifico dell’azienda produttrice della finitura ed eseguire la manutenzione nei tempi e modi da essa indicata. Se si esegue con scrupolosità quanto sopra indicato difficilmente servirà fare la manutenzione straordinaria.

Utilizzo e condizioni di mantenimento

E’ indispensabile mantenere un’umidità ambientale compresa tra 45% e 65% ed una temperatura di 18/20 C° non solo per mantenere in un buon equilibrio il parquet ma anche perché ha queste condizioni sono salutari per l’uomo. Per chi ha un riscaldamento con termosifoni è opportuno mettere delle ampolline d’acqua su di essi o un umidificatore nell’ambiente.
Non bisogna caricare con grossi pesi piccole porzioni di parquet e se si usano sedie con le rotelle sarebbe i caso di mettere opportuni tappeti in plastica trasparente.
Per chi utilizza i tappeti meglio se attende 3/4 mesi dalla finitura per i fenomeno dell’ossidazione o quanto meno gli cambi i posto.
Al fine di sapere tutto sul proprio parquet si raccomanda di richiedere sempre la scheda prodotto.